Dopo l’anteprima al MADE EXPO 2021,
finalmente il Libro + Super Bonus Webinar + Sessione di Domande e Risposte

Come guadagnare in edilizia a colpo sicuro nel 2022 (anche se sei in crisi)

Come guadagnare in edilizia? L’hanno fatto in tanti negli ultimi 2 anni. E fino a poco tempo fa, sembrava andare tutto a gonfie vele.

Poi, con il DL Anti Frodi a Novembre 2021, un fulmine a ciel sereno si è abbattuto nel nostro settore e guadagnare in edilizia è diventata una fatica di Ercole per tante imprese e attività edili.

Ad inizio 2022 le cose sembravano andare meglio, ma ancora oggi c’è un clima di incertezza: tante aziende hanno crediti bloccati, diverse imprese hanno crisi di liquidità e tutto sta diventando più difficile.

E se le cose stanno così, è davvero possibile guadagnare a colpo sicuro con la tua impresa o attività edile? E puoi farlo anche in questo momento così incerto?

La risposta è Sì. Il “come” lo trovi in questo articolo. 

Ma attenzione: non si tratta di una “pillola magica” o di qualche “trucchetto”, ma di una serie di azioni tanto semplici quanto fondamentali per far crescere la tua impresa o attività in edilizia sulle sue gambe, a prescindere da quello che succederà con gli incentivi di Stato.

Sono le stesse azioni che hanno portato oltre 100 aziende e attività che operano in edilizia ad aumentare i profitti e migliorare l’organizzazione negli ultimi 4 anni grazie al Sistema EdilProfit.

Se è quello che anche tu vuoi per te e per la tua azienda, in questo articolo potresti trovare esattamente quello che cerchi.

E prima di iniziare, ti consiglio di dare uno sguardo anche a questo video su guadagnare in edilizia che ho realizzato per Imprese Edili News a proposito dei profitti sui cantieri.

Come guadagnare in edilizia: puoi fare una sola mossa, che cosa fai?

Immagina: la tua azienda o attività in edilizia cade in un “periodo buio” e puoi sparare un solo “colpo” per liberarla. Che cosa fai?

Per fortuna è solo una scena immaginaria, ma è importante pensarci.

L’abbiamo appena detto: negli ultimi due anni, le aziende e le attività in edilizia hanno giocato una partita a parte rispetto a tanti altri settori.

Grazie ai vari bonus ed incentivi, sicuramente anche tu avrai avuto i tuoi problemi, ma di certo “come guadagnare in edilizia” non era un grosso problema e non ti sono mancati i potenziali clienti che bussavano alla tua porta.

Non saranno diventati tutti clienti paganti ma, a meno che tu non abbia commesso qualche grave errore, anche tu avrai avuto il tuo bel da fare con tante richieste di contatti e preventivi.

Poi, l’abbiamo visto, è arrivata la brusca frenata in questi ultimi mesi e il settore si è “bloccato”.

Ma, per quanto possa sembrare strano, questo “blocco” è un’opportunità per la tua impresa o attività edile.

Perché l’incertezza sugli incentivi è un’opportunità per te?

La risposta è: perché ora che gli entusiasmi da incentivi si sono calmati, finalmente possiamo guardare in faccia la realtà del nostro settore.

Non entro troppo nel tecnico e non ti chiedo di credermi sulla parola, ma il primo dato è questo: nei prossimi anni, fare pubblicità costerà (un bel po’ di) rispetto ad oggi – e chi si chiede come guadagnare in edilizia dovrà farci i conti!

Se non sei sicuro o sicura, verifica pure questo dato con altri esperti del settore.

Il secondo dato (che puoi verificare da te), è che il tempo a disposizione dei titolari di aziende e attività in edilizia è sempre meno.

Prendi il web: se vuoi guadagnare in edilizia e la tua presenza online prevede il “minimo base” – sito, blog, pagine aziendali e personali su Facebook e su LinkedIn (e magari un canale YouTube) – hai già 7 cose da seguire ed aggiornare contemporaneamente.

7 cose da seguire che si aggiungono già alle cose che fai nelle tue 12-14 ore al giorno di lavoro nella tua azienda o studio con clienti, collaboratori, fornitori e magari anche con la preoccupazione che se ti assenti per un giorno succede un disastro.

Perciò, ti ripeto la domanda: se la tua impresa o attività edile cadesse oggi stesso in un “periodo nero” e tu potessi sparare un solo “colpo” per liberarla… che cosa faresti?

Se non hai una risposta certa a questa domanda, non c’è nessun problema.

Ma anche se ce l’hai, tienila un attimo da parte e vediamo insieme qual è il “pezzo mancante” a proposito di come guadagnare in edilizia.

Come guadagnare in edilizia: qual è il “pezzo mancante”?

Il “pezzo mancante” è: conoscere con certezza la singola azione da compiere per far crescere la tua impresa o attività edile, anche quando cade in un “periodo nero”!

E immagino tu possa rispondermi: «Grazie Guido, è ovvio. Ma il punto è: come faccio a sapere con certezza qual è questa singola azione da fare?».

Lo so, a prima vista non è la cosa più semplice del mondo. 

Ma è la cosa che distingue i titolari e le titolari di aziende semplicemente “capaci”… da quelli che mi piace dipingere come dei veri e propri “cecchini” e “cecchine” dei profitti e non solo.

E verosimilmente, con questa espressione, mi riferisco a quel titolare o quella titolare di impresa o attività in edilizia che non solo conosce la singola azione da fare, ma sa anche compierla e portare risultati in qualunque condizione.

È il caso di un cliente che ho seguito in consulenza, che nonostante abbia dovuto chiudere per 2 mesi, ha concluso il 2020 con +26% di fatturato passando da 1.120.000€ a circa 1.400.000€.

E anche un altro cliente che lo scorso anno ha fatto “solo” un +15%. Ma c’è un però: ha ridotto i cantieri da gestire da 65 a 40 (circa il 38% in meno), aumentando i ricavi medi di ogni cantiere da 6.090€ a 11.411€.

E potrei citare ancora altri clienti “cecchini” che, applicando EdilProfit, il sistema di marketing e gestione specifico per le aziende che operano in edilizia, hanno migliorato profitti e gestione. 

E se vogliamo dirla tutta… finalmente hanno guadagnato di più e magari anche vissuto meglio, nonostante tutto quello che accadeva intorno.

Ma questo articolo è per te, perciò vediamo come trovare la tua singola azione per guadagnare in edilizia a colpo sicuro.

Come guadagnare in edilizia e trovare la tua singola azione da fare

Fatta questa breve parentesi, veniamo a te titolare di azienda o attività in edilizia che forse hai già il DNA del “cecchino” o della “cecchina” e ti manca solo metterlo in azione.

Anche se un articolo non basta a trasformarsi completamente in un “cecchino” o una “cecchina”, è sicuramente un ottimo punto di partenza per un “addestramento” da veri professionisti.

Partiamo dalle basi. Qual è la specialità del “cecchino”?

Di base, un “cecchino” sa puntare il suo mirino in maniera estremamente definita su un obiettivo. E lo colpisce con impeccabile precisione.

Ecco, è questa la prima azione da fare se anche tu vuoi guadagnare di più e vivere meglio la tua azienda o attività in edilizia.

La prima azione da fare: scopri quello che funziona

In questo caso la parola d’ordine è focus: focalizzati e concentrati nel tuo lavoro. Soprattutto, su un particolare.

Quale? “Quello che funziona” per guadagnare in edilizia con la tua azienda o attività.

Non so se tutto ciò ti può sembrare anche fin troppo semplice, ma in “quello che funziona” c’è tutto ciò che ti serve.

Come puoi capire cosa funziona nella tua azienda o attività in edilizia? Con un semplice esercizio

– Prendi i tuoi numeri del 2021 (se è stato un anno poco profittevole, prendi i numeri del 2020).

– Suddividi il venduto, non il fatturato, per mese. 

Se l’andamento è lineare, mi complimento con te. Ma se noti un andamento ad onde, con alti e bassi, allora si può fare meglio. 

– Bene, adesso chiediti che cosa hai fatto (o che cos’è successo) nei mesi precedenti ai picchi di venduto verso l’alto.

– E, allo stesso modo, chiediti che cosa non hai fatto o cosa non è successo nei mesi precedenti ai picchi di venduto verso il basso

Una volta che hai individuato “quello che ha funzionato”, dalle vendite alla gestione, dall’amministrazione al marketing o all’assistenza, c’è un secondo passo importantissimo da fare.

La seconda azione da fare: “ingegnerizza” quello che funziona

La seconda azione da fare è: ingegnerizzare.

Per ingegnerizzare intendo creare un sistema e delle procedure grazie alle quali tutti quelli che lavorano con te possono applicare “quello che funziona” nella tua azienda.

Ti faccio un esempio: quante attività fai quotidianamente tu, che purtroppo non puoi ancora delegare ad altri perché non hai creato una procedura che “guidi” chi può farle al posto tuo?

Bene. Immagina quanto tempo puoi liberare (e quante noie puoi evitarti) se crei anche solo 3 procedure per alcune attività che fai tu ogni settimana.

Se queste procedure ti liberano 3 ore a settimana, in un mese hai già almeno 12 ore in più a tua disposizione da investire in strategia, marketing o in quello che ritieni più importante.

Tutto nella tua azienda può essere ingegnerizzato, anche quel processo così efficace (che per la maggior parte di noi è ancora lasciato al caso) e riconosciuto da tutti che è il passaparola.

Come “ingegnerizzare” il passaparola

Ingegnerizzare il passaparola non è un’operazione complicata che richiede anni di studio o migliaia di euro in automazioni software. No! 

Soprattutto se hai un’azienda che opera in un raggio locale non particolarmente esteso, può essere sufficiente mettere a sistema:

telefonata di cortesia, a distanza di “x” settimane dall’acquisto.

– invio di materiali cartacei personalizzati per il cliente, specialmente se sono belli da guardare e toccare, perché i tuoi clienti li faranno vedere spontaneamente ai loro amici e parenti.

– messaggio di auguri di compleanno ai clienti o in occasione di una ricorrenza speciale.

premio o bonus per ciascun contatto segnalato che diventa cliente effettivo.

Scommetto che nulla di tutto questo ti suona nuovo, vero? Lo so bene. Il problema è che tante aziende si chiedono come guadagnare in edilizia, ma solo poche, pochissime aziende “ingegnerizzano” il passaparola. 

Come guadagnare in edilizia anche senza budget (ecco le prove)

Come puoi vedere dal passaparola, la risposta a come guadagnare in edilizia non richiede chissà qualche budget, ma solo il DNA del “cecchino” che sa riconoscere le opportunità di guadagno e colpisce nel segno con precisione e velocità di esecuzione.

Anche in questo caso, posso portarti l’esempio di un cliente direttamente da un suo messaggio. 

«Fai la guida e distribuiscila. Prendi il primo lavoro, che te ne porta un altro, che ti fa conoscere una ESCo che ti vuole come partner. Oggi ho chiuso una bella commessa 110 con una ESCo con cui poi collaborerò. Se non ci fosse stata l’idea della guida e i mega sbattimenti, sarebbe stato difficile».

Ti invito a notare le ultime frasi: ha dovuto darsi da fare per realizzare con noi una guida cartacea (sì, non esiste solo il marketing online), ma questa guida gli ha portato altri 3 lavori ed una collaborazione importante con un’azienda che si occupa di efficienza energetica.

Tutto grazie a creazione, stampa e distribuzione di materiali cartacei creati su misura, una soluzione che tanti non considerano perché dimenticano che non bisogna mai mettere al centro l’online o l’offline per moda o per partito preso, ma al centro ci va sempre il cliente ed il suo processo d’acquisto.

Questa non vuole essere una critica, perché il marketing online è quello che con poche centinaia di euro ti porta 460 contatti qualificati in 10 giorni per le detrazioni sul Superbonus 110% (caso studio di un altro nostro cliente), ma è sempre il “cecchino” che fa funzionare lo strumento, mai il contrario!

Poi, per carità, è vero che ci vuole budget per fare guida cartacea e marketing online. Ma se consideri i 3 lavori e una collaborazione importante e 460 contatti qualificati, puoi immaginare che il ritorno dell’investimento è enorme, soprattutto se paragonato al budget investito!

Come guadagnare in edilizia: ecco cosa fare da “cecchini del marketing”

Facciamo un attimo il punto di tutto quello che hai letto finora in questo articolo.

Se sai come guadagnare in edilizia da “cecchino del marketing”, significa che:

– hai un obiettivo da puntare.

– hai un mirino per colpire l’obiettivo con estrema precisione.

sai concentrarti e focalizzarti nel lavoro nella tua impresa.

saiquello che funziona” nella tua azienda o attività in edilizia.

– “ingegnerizzi” e metti a sistema “quello che funziona”, così da delegare e liberare tempo.

– estende l’ingegnerizzazione al passaparola ed a tutte le aree di lavoro più importanti.

– sviluppi sempre più il DNA del “cecchino” centrando velocemente le opportunità di guadagno.

– sai integrare il marketing online, offline e cartaceo per centrare l’obiettivo il prima possibile.

E se ricordi, abbiamo anche considerato che il “cecchino” ha due nemici (anche se finora non li abbiamo chiamati così):

i costi della pubblicità, che aumenteranno sempre di più in futuro.

il tempo, che è sempre di meno ed è già occupato per 10-12 ore al giorno.

Da un certo punto di vista, diventare un “cecchino” può sembrare quasi una “missione impossibile”, soprattutto se parti da zero.

Ma se cominci ora, anche con piccole azioni quotidiane o semplici procedure, fai qualcosa di importantissimo per i tuoi profitti e la tua organizzazione.

Perché la pubblicità costerà di più comunque. E il tempo che hai a disposizione di certo non aumenterà, se continuerai a fare le stesse cose che stai facendo ora.

E c’è anche un’altra cosa importante: non devi diventare “cecchino” o “cecchina” solo con le tue forze e in un colpo solo.

Chi l’ha detto che per guadagnare in edilizia devi fare tutto tu?

Una delle fortune del nostro settore è che tanti titolari di aziende hanno capito che tutto intorno a noi sta cambiando e che fra qualche anno, dopo il caos, l’entusiasmo e l’incertezza da bonus e incentivi, solo chi ha saputo dotarsi di una robusta struttura di gestione e marketing riuscirà a non crollare ma a prosperare.

Quelle aziende che, per intenderci, sapranno (o sanno già) ad esempio quanto possono spendere per acquisire un cliente, che è il parametro più efficace per tarare il tuo marketing da veri “cecchini” senza bruciare inutilmente budget e sparando i tuoi “colpi” con un “giubbotto antiproiettile” che ti tiene al sicuro da qualsiasi pericolo.

Se anche tu vuoi essere tra i titolari o le titolari di aziende o attività in edilizia con una robusta armatura di gestione e marketing per quest’anno e per gli anni a venire, mi auguro che quello che hai letto ti abbia dato la spinta ad entrare subito in azione o a migliorare quello che fai.

I miei clienti lo sanno bene: a volte bastano piccole azioni e piccoli test per trovare effettivamente “quello che funziona” e portarlo a sistema.

Questo puoi cominciare a farlo anche da te, partendo “in piccolo” e senza bruciare budget, tempo o energie eccessive rispetto alle tue attuali risorse.

Come con l’esempio del passaparola: comincia ad ingegnerizzare piano piano, partendo dall’elenco dei tuoi clienti storici o anche di quelli che ti hanno dato fiducia nel balordo 2021 che abbiamo vissuto.

Prenditi qualche ora del tuo tempo – magari nel prossimo weekend – e pensa ad una singola azione di ingegnerizzazione del tuo passaparola. Poi, dal prossimo lunedì, applicala per almeno 3 mesi e monitora i risultati.

Poi fai lo stesso con una attività “che funziona” e che puoi delegare. Parti anche dalla più semplice, l’importante è che ottieni subito una procedura finita, così da toccare con mano i primi risultati che ti portano a continuare ad ingegnerizzare.

E soprattutto, scegli sempre professionisti di marketing e gestione, specialmente se conoscono il settore dell’edilizia. Perché la combinazione di queste conoscenze ti dà maggiori garanzie di risultato e la sicurezza di correggere il tiro in corsa. A prova di “cecchino”.

E se vuoi prendere la strada più veloce applicando il Sistema EdilProfit alla tua impresa, compila pure il modulo qui sotto ed entro 24 ore ti contatteremo per una sessione strategia con la tua impresa o attività edile.

 

Guido Alberti

Imprenditore, Consulente, Autore.

Aiuto le imprese e le attività in edilizia ad aumentare i profitti e migliorare l’organizzazione.

Sono autore di A vendere finestre non si guadagna, Più Profitti in Edilizia e Se non ti rispettano non ti pagano.

Sono sicuro che ti interesseranno anche questi articoli

aprire un'impresa edile
vendere edilizia
come far crescere un'impresa edile anche in crisi di liquidità